Sacchetti riutilizzabili fai da te per frutta e verdura

 

"Sappiamo bene che usare la plastica non é la strada migliore da seguire e questi sacchetti riutilizzabili per frutta e verdura sono proprio quello che ti serve per andare a fare la spesa!"

 

La sola cosa negativa quando si va al supermercato per fare scorta di frutta e verdura é quella di utilizzare gli appositi i sacchetti di plastica per metterla dentro. Questi sacchetti riutilizzabili fai da te sono proprio quello che ti serve per eliminare definitivamente quelli di plastica. Va benissimo ogni tipo di stoffa leggera in cotone, ma quella trasparente ti permetterá di vedere ció che si trova all’interno. Iniziamo!

 

Ti serve:

  • Stoffa ( se é trasparente puoi vedere piú facilmente quello che c’é dentro)
  • Filo o cordicina
  • Filo per cucire

 

Taglia la stoffa. Per ciascun sacchetto ti servono due rettangoli che misurano 40 cm x 30 cm. Su entrambi i lati lunghi dei due rettangoli fatti un segno 5 cm sotto l’angolo in alto.

 

 

Fai un orlo di 0,5 cm sulla parte superiore di ciascun lato piegando la stoffa verso il lato sinistro e stira. L’orlo deve scendere tanto quanto il segno fatto in precedenza. Se stai utilizzando una stoffa trasparente e scivolosa come la nostra é meglio che la fermi con una molletta o degli spillini prima di cucirla, cosí rimane la piega. Cuci stando vicina all’orlo e poi impuntura quando ti trovi a 5 cm dalla parte superiore.

 

 

 

Fai un orlo sulla parte superiore di entrambi i pezzi di stoffa piegando il bordo di 0,5 cm verso il lato sinistro e stira.

 

 

Poi prepara la coulisse per infilare il cordoncino piegando in giú i bordi in alto di entrambi i pezzi di stoffa assicurandoti che si trovino alla stessa altezza del segno fatto in precedenza. Ferma con degli spillini o delle mollette, cuci stando accanto al bordo e poi impuntura all’inizio e alla fine della cucitura.

 

 

 

 

Per questo progetto facciamo la cucitura alla francese, in cui non si vede il risvolto, per far sí che gli orli grezzi non si vedano e che non sfrangino. Inizia piazzando i lati SINISTRI della stoffa assieme e cuci lungo la base e i lati tenendoti un margine di 0,5 cm.

 

 

Sulla parte in alto dei lati devi fermare e fissare i punti con alcuni punti all’indietro, proprio al di sotto della coulisse.

 

 

Rifinisci le cuciture se erano troppo larghe o irregolari e taglia le parti in eccesso sugli angoli facendo attenzione a non tagliare anche i punti. Gira il sacchetto e stira con attenzione per far sí che anche le cuciture si appiattiscano bene e abbiano un aspetto ordinato.

 

 

Fai passare tra le dita la cucitura per allinearla in modo corretto. Forse ti possono essere d’aiuto delle mollette per tenerla ferma mentre stai cucendo.

 

 

Cuci nuovamente lungo la base e i lati tenendoti un margine di cucitura maggiore. Ció fa sí che gli orli grezzi vengano racchiusi nella cucitura. Con una stoffa trasparente questo é piú semplice perché puoi vedere il margine di cucitura che hai giá fatto prima ed essere sicura che stai cucendo all’interno di esso. Ancora una volta fai il punto all’indietro proprio al di sotto della coulisse.

 

 

Turn your bag the right way out. Feed the string or cord through both sides of the drawstring channel – you can either attach a small safety pin or tie the string to a piece of thread and use a blunt needle to help you feed it through. Gira il sacchetto sul diritto. Fai passare il filo o la cordicina attraverso entrambe le aperture della coulisse. Ti semplifichi la cosa se attacchi alla cordicina un ago di sicurezza oppure se la leghi ad filo da cucito e usi un ago smusso.

 

 

Taglia ora la cordicina alla lunghezza desiderata senza dimenticarti di annodare l’inizio e la fine per evitare che continuino a sfrangiarsi. Puoi anche infilare dall’altra parte una seconda cordicina di una lunghezza differente per poter chiudere il sacchetto piú facilmente.

 

 

Insert Final

 

SaveSave

SaveSave

SaveSave

SaveSaveSaveSave

Follow and like us!
Facebook
Facebook
Instagram
Pinterest
Pinterest

Comments are closed.

Ti è piaciuto l'articolo? Dillo ai tuoi amici!